fbpx
Categoria: Biker World

Cosa ci sarà di speciale nel descrivere in poche righe una esposizione di circa 40 moto d’epoca tirate a lucido in occasione della festa patronale? Potrei rispondere che alcuni pezzi esposti sono davvero rari se non unici…oppure potrei rispondere con la passione dei vari proprietari che vinta la gelosia le hanno “prestate” per l’evento. E ciò di per se potrebbe bastare.

Ma non è questo il punto…il focus è sul significato del grande sforzo profuso dai ragazzi del Motoclub FMI di Abbiategrasso. Ricordare, celebrare, confermare la passione e la vita di due grandi personaggi che a cavallo di due secoli e lontano dai riflettori della “Milano da bere” hanno fatto grande la storia motociclistica della pianura agricola sud-milanese. Gente con le mani sporche di grasso e che ha indossato la perenne tuta da meccanico come si usava “una volta” fino all’ultimo secondo.

moto epoca

Uomini, veri, tutti d’un pezzo legati alle due ruote fin da quando la moto era una necessità prima che una vanità, praticità prima di blasone, passione prima che brand. Nomi per altro legati a due grandi marchi della produzione italiana, ovvero Bruno Cassani per Moto Guzzi e Antonio Cristini per Piaggio. Per me, figlio degli anni ’70, era una festa poter sostare nei pressi delle rispettive officine, per ammirare, soprattutto il sabato, l’andirivieni di mezzi colorati e rumorosi….di quel sound che pareva musica celestiale. E che emozione quando intravedevo carrelli e furgoni con targhe estere, soprattutto tedesche, approdare nel nostro paesone; ragazzino quale ero mi sembrava impossibile che un tedesco potesse conoscere “Abbiategrasso”, ma soprattutto che potesse portarci le proprie moto a “riparare”…sono pazzi pensavo.

moto epoca

Ma al di la della passione profusa nel loro lavoro durato decenni, Bruno Cassani e Antonio Cristini hanno lasciato una eredità tangibile, fatta di moto uniche, di collezioni infinite (forse il termine è esagerato ma credetemi rende l’idea). E al di la degli splendidi “ferri” delle loro collezioni private, ancora una volta semmai fosse necessario, mi sono stupito di quale fiume, ancora oggi in piena, di affetto, gioia e passione abbiano lasciato dietro i loro passi, che difficilmente cadranno nell’oblio. Una passione e un affetto che scavando poi con calma nel profondo, non è solo degli abbiatensi ma di chiunque abbia incrociato la loro strada.

Ecco posso tranquillamente affermare che l’esposizione di moto d’epoca (e non solo) organizzata con la complicità di amici, discepoli, clienti o semplici simpatizzanti dei due miti abbiatensi è stata il clou della festa patronale di questo ottobre 2021.

In tanti ieri avrebbero detto…..ah se ci fossero stati loro….già…un po’ me li immagino….schivi, ma con la battuta pronta, sigaretta per “Il Bruno”, sguardo interrogativo per “l’Antonio”…rimuginando qualche “sacramento” non come simbolo ecclesiastico sia bene inteso.

moto epoca

Che grande festa. Che grande eredità….che grande responsabilità la nostra nel raccoglierla…

A margine di questo successo, qualcuno avrà notato la presenza di una moto da pista tutt’altro che d’epoca, con una “Tennent’s” da stappare li in attesa davanti alla ruota anteriore. Anche questo è un pezzo di eredità, di Leonardo per tutti i suoi amici motociclisti. Buon viaggio Leo.

abbiategrasso

 

 

 

 

 

GALLERY

 

Back To Top