fbpx
Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Domenica, Dom Gen 2021

 

"Che cosa vi ricorda la parola fiera? A me le fiere da paese, tra bancarelle, esposizioni e fiumi di persone accalcate per l'ultima meraviglia"

Che cosa vi ricorda la parola fiera? A me più che la patinata kermese dell'Eicma, mi ricorda le fiere da paese, tra bancarelle, esposizioni e fiumi di persone accalcate per l'ultima meraviglia. Qualche volta con il volto rapito dall'ennesimo ninnolo, qualche volta a ridere di qualche simpatica guasconata.

Ecco, il Bike Expo per il motociclista assomiglia molto di più a questa fotografia, anche se man mano che gli anni passano, anche le case cominciano a riconoscerne l'importanza, e fanno sempre più capolino stand ufficiali o semi ufficiali, quasi le case vogliano affermare la loro presenza, ma con quel po' di snob di chi solitamente si scomoda per rappresentazioni più importanti.

Ma a noi importa poco dello snobbismo, se è vero che la differenza tra un bambino e un adulto è il costo del giocattolo, il Bike Expo mi ricorda i banchetti dei giocattoli delle fiere, dove non si capiva bene perchè, i giocattoli ammucchiati sulle bancarelle sembravano più appetitosi che in tutti i negozi o supermercati del mondo. La difficoltà vera è che oggi il portafogli è nelle nostre mani, e non in quelle prudenti e mature di papà, una prova dura, ardua e titanica di fronte all'ennesimo pezzo in carbonio o in ergal, tute sportive a prezzi mai visti, caschi, stivali, guanti e customizzatori.

L'aria che poi si respira nelle aree di sosta esterna dove mangiare un panino al volo, è davvero quella da bikers. Le origini sono li ben visibili e presenti, capita di mangiare gomito a gomito con strani tizi che sembrano usciti da qualche film americano, pantaloni e giubbotto di belle, capello lungo e barba incolta. O forse siamo noi che sembriamo strani? Dopo tutto ci chiamano power rangers o tartarughe ninja! Comunque la passione non si discute.

Chi vedremo quest'anno? La lista non è meccanica come quella dell'EICMA, e soprattutto quello per cui vale la pena andare è il colore e i negozi, che non censisco. Sono da scoprire. Nomi importanti, espositori, possiamo citare Caberg, Oj, Headbanger, MV Agusta, Ktm, Zard, GPR, Febur, Sidi, Triumph, Ducati, Kawasaki, Yamaha, Honda, Nolan, Givi, Dainese, Suomy e molti altri. E' soprattutto la fiera dei paricolari, dei preziosismi che ci rendono differenti gli uni dagli altri, per questo è imperdibile.

aMotoMio sarà a spasso per la fiera, se ci trovate in giro fermateci tranquillamente per due chiacchiere, noi non mancheremo di essere on line in diretta su facebook, postandovi in tempo reale le cose che più ci piacciono.

Seguiteci!

 

Wolf e soci!