Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Piloti, strana meravigliosa gente, persone speciali sulle piste, capaci di emozionare con la loro dote di portare al limite mostri d’acciaio.
Piloti persone normali che diventano speciali anche quando vivono un avvenimento normale come un compleanno.
Così è stato per il cinquantaseiesimo compleanno di Fabrizio Pirovano.


Il pilota Monzese, vincitore del mondiale Supersport 1998, si è trovato circondato da amici e tifosi nella festa organizzata presso i sempre suggestivi locali di Motosplash dove gli infaticabili amici di Ciapa la Moto hanno dato come sempre il meglio.
Il “Giamba”, padrone di casa ha passato la palla, o meglio il microfono a quell’istrionico maestro che è Nico Cereghini per una serata da ricordare e non solo per il festeggiato che si è trovato vecchi amici.



Amici che l’hanno aiutato a crescere sportivamente supportandolo, Valli Moto, Beppe Russo, la stessa Yamaha Italia, insieme quelle che fuori dalle piste davano abbracci e pacche sulle spalle mentre sul nastro d’asfalto se ne davano di santa ragione in campionati ben più “maschi” che ora.
Con la testimonianza di Giovanni Di Pillo, storica voce a commentare le gare di allora, sono saliti sul palco; Alessandro Gramigni, Giancarlo Falappa, Luca Cadalora e il funambolico Noriyuki Haga.
Proprio quest’ultimo, che ha dichiarato di non interessarsi più alle gare per fare il casalingo salvo qualche gara in minimoto…... ovviamente scatenando l’ilarità generale… ha inscenato con uno scatenato Gramigni la parodia della celebre intervista, dove Haga svelava il suo segreto di allenamento, roba da standing ovation.



Molti amici presenti e citati molti aneddoti su un mondo dove le gare erano ben diverse da oggi ma soprattutto Lui, il festeggiato, disponibile, simpatico e circondato dalla sua bella famiglia.
Presente e attento a rimbalzare le frecciatine che i simpatici amici scoccavano, un esempio di semplicità nonostante un palmares di tutto rispetto visto il titolo sfiorato in superbike, la vittoria del campionato Supersport 1998 e l’essere inserito di diritto nella Hall of Fame del campionato.
Tanti i tifosi e gli appassionati attenti ai racconti e anche ai particolari delle moto del “Piro” presenti in vari punti del locale.



Una torta con 56 candeline e tappi di spumante a saltare festosi con una gioia che si respirava forte, capace di scaldare anche un’umida e fredda serata d’inverno.
Ancora tanti auguri Fabrizio.

Grazie a Ciapa la Moto e Riccardo per le foto.

GALLERY



Flap