Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Giu 2020

“Passione continua“
Arrivo davanti alla concessionaria Yamaha Icomoto di Galliate, un Signore dai capelli bianchi sta leggendo un catalogo, una rossa felpa Yamaha indosso.
Il tempo di togliere il casco e mi chiede cordialmente se ho bisogno.


Sono le prime parole che Luciano Caviggioli mi rivolge, poche parole che in attesa di testare un modello dei tre diapason aumentano seguendo il corso della comune passione.
Sono curioso e poi l’entusiasmo, gli occhi vivi e l’energia mi conquistano, così chiedo la possibilità di farmi raccontare un po’ di lui e della sua azienda, o meglio la sua creatura.



Così siamo di fronte, ci siamo già scambiati opinioni sulle moto e il loro mondo ma ora voglio sapere come nasce la passione che ancora a dispetto degli anni ancora arde viva.
Luciano in realtà è prima di tutto un motociclista innamorato delle moto, un ragazzo classe 1939 che inizia a gareggiare su una Aermacchi aletta 125 del 1958 di nascosto dai genitori, come spesso accadeva allora come oggi, facendosi le ossa nelle gare Audax in voga in quegli anni.
Non è un meccanico, anzi dopo tre anni in marina come motorista, sceglie la strada del commercio, settore alimentari e gastronomia, quindi lontano dalla sua voglia di moto che comunque non resta sopita.



Dopo l’aletta guida una MV 125, poi KTM Penton, Puch SWM……distinguendosi nelle gare di regolarità, nel 1966 fonda il Motoclub Galliate, mentre anche la cilindrata sale prima a 175 e poi 340 sempre con KTM.
Le parole scorrono veloci in un susseguirsi di aneddoti “ alla fine degli anni ‘70 inizio a gareggiare con una quattro tempi e vinco la gara d’esordi ma Farioli si era accorto che la mia Yamaha HL 500 era una cross camuffata e mi minacciò di farmi squalificare cosi tornai al due tempi”.



Bello sentire raccontare di corse e un mondo che non conosco essendo io assolutamente a digiuno di Tassello.
Proprio in questo periodo nasce Icomoto, Caviggioli prende una pausa dall’attività agonistica per dedicarsi allo sviluppo di questa realtà, dagli alimenti ai motori.
La concessionaria apre nel 1976, in una sede diversa dall’attuale ma sempre a Galliate.
In realtà più per l’esigenza di avere un punto assistenza personale, e per pochi amici, per le sue moto che usa in gara, ci riesce grazie anche all’appoggio di Farioli, nel frattempo conosce Martini della Iamoto, futura Belgarda, cominciando a vendere Yamaha.



Marca che da allora sarà sinonimo di Icomoto.
Nel frattempo Yamaha cresce il fenomeno XT sviluppa le vendite e di conseguenza l’esigenza di un nuovo punto vendita fino a cambiare sede nell'attuale, proprio nell'anno dell'obbligo del casco, era il 1986, una nuova sfida in un momento difficile.
Tenere duro fino all’arrivo del fenomeno R1 che da un po’ di respiro fino alla crisi delle supersportive, di nuovo a galleggiare e sopravvivere ringraziando la presenza in listino del T-Max che da 15 anni è, di fatto, un punto di forza e certezza per Yamaha.



Ma Luciano nel frattempo, oltre a occuparsi del commerciale della Icomoto, continua a dedicarsi alle gare.
Sono gli anni in cui nasce la Yamaha Belgarda quindi partecipa ai challenge Yamaha, nel 1985 forma Icomoto Racing con amici di avventura per cimentarsi nel rally dei Faraoni sette guerrieri a digiuno di Africa e di sabbia, allo sbaraglio, ma nonostante questo Luciano vince la categoria master, un'altro si classifica quinto assoluto, concludono in cinque su sette, un gran successo.

Si chiama mal d’Africa e Luciano ci tornerà più volte, come pilota di moto, auto (Ranger Rover), camion Unimog nonché fare assistenza nei vari rally Africani.
Fuoristradista dagli inizi, ma ha sempre amato la velocità che segue e ama, tanto da portarlo a sfiorare il titolo, con il team Gimotor, nel campionato italiano e europeo con una R1 del pilota Gianluca Vizziello.
Quattro anni di collaborazione interrotta purtroppo per una fatale malattia di Gigi D'Esposito che conclude questa avventura.
Una vita di corsa e per le corse che non vuole interrompe, non raro vederlo girare con la sua HL in rievocazioni storiche o semplicemente girare in moto, perché questo è il succo della vita di Luciano.



Un motociclista che è riuscito a trasformare la sua passione anche nella sua attività che gestisce insieme alla figlia Lara.
Una miscela di passione, commercio e sport che resiste nel tempo, sfida la crisi con fiducia nel futuro, magari proprio con quel tre cilindri che mi hanno concesso in prova, occasione di questa simpatica chiacchierata, la prima di molte altre sicuramente.

Concessionaria ICOMOTO Galliate.

Flap

{AG}2013_10_Icomoto{/AG}