fbpx
aMotoMio_Truglio
Categoria: trafiletti

Fagna, Flap e Wolf, in rigoroso ordine alfabetico, l’età quando si va in moto conta poco e non è certa quella mentale dei suddetti individui seppur di differente età anagrafica.


Tre Nickname che identificano da quasi undici anni i fondatori e soci di questa folle idea che è aMotoMio dietro cui si nascondono, stranamente sempre in ordine alfabetico, anche i veri nomi (Davide, Flavio e Michele) dei tre motociclisti “Normali” che raccontano a modo loro la moto e il suo mondo e di come la vivono.

Tre Nick, insomma soprannomi, che sono l’eredità di anni di amicizia, dei tempi di un famoso forum, che sono nati ognuno seguendo una logica personale, in qualche caso evidente in altri un po’ meno, ma il bello del Nick sta proprio nell’identificare una persona indipendentemente spesso dalla sua comprensibilità. Quasi un obbligo in quegli anni dove la comunicazione era ben lontana dai social di oggi, dove i siti con il loro forum annessi erano il modo per scambiarsi le opinioni in quel moderno bar virtuale.

Anni di scritti, presentazioni ed eventi dove il nome reale è stato quasi sempre offuscato dal Nick, quello per cui molti ci conoscono, i meno attenti probabilmente nemmeno sanno il nostro vero nome se non leggendo queste righe.
Un soprannome che ormai fa parte di noi e che ci fa riconoscere, tante volte anche fuori dal settore, persino nella nostra vita privata e professionale e che è diventato indistintamente parte di noi.

Si affianca, a volte si sovrappone e spesso vive di vita propria identificando con quella sequenza di lettere una persona e la sua personalità che con quel Nick viene identificata.
Non racconta in pieno le persone, non ne svela i segreti, e nemmeno tutto il loro mondo, le indicano lasciando la loro vera essenza a disposizione solo a chi viene concesso di andare oltre gli occhi, oltre la visiera, a quelli insomma a cui davvero vale la pena svelarsi di più o fino in fondo.

A volte ci sorprendiamo ancora a sentirci chiamare con il Nick e a volte ci sembra strano non usino il nostro nome, ma la sostanza non cambia, siamo sempre noi.

Flap… ops, Flavio

Grazie a Orazio Truglio per la foto