Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Fotografie
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

La strada scorre lunga e libera, la guida è rilassata e poco impegnativa, tradotto "quasi noiosa", così la mente ha modo di vagare in lungo e in largo con pensieri che vanno dalla cesta del gatto all’ultimo accordo di lavoro.


Inevitabilmente però spunta all’orizzonte o a bordo strada qualcosa, può essere un oggetto, un animale, un edificio, un colore o qualunque altra cosa che diventa un attrezzo pronto ad aprire, fino a scardinare, come un piede di porco, completamente l’armadio dei ricordi; lo so che è il “Cassetto” ma del resto i miei non ci stanno più così ho dovuto fargli spazio.
Sono immagini che riaffiorano nella mente come tante fotografie, le stesse che forse conserviamo negli album, quando si usava ancora, o nelle cartelle sul PC.
Quei due volti sorridenti che ora magari non s’incrociano da anni, quelle figure in controluce in un tramonto Elbiano, quella moto stracarica per la vacanza in Sardegna.
Un’infinità di fotografie che si rincorrono, a volte ancora nitide, altre ormai ingiallite dal tempo passato, qualcuna sfuocata.
Visi che abbiamo amato, che ancora ci sono mentre altri si sono persi lungo la strada, qualcuno purtroppo per sempre seguendo un inevitabile destino crudele.
Persone che spesso sono accompagnate a luoghi che ritornano in incantevoli panorami insieme alla moto che inevitabilmente finiva a far parte della scena.
La due ruote di quel momento che ci aiuta a dare una cronologia del tempo passato ricordandoci nel frattempo le emozioni condivise con chi ci accompagnava in quel pezzo di viaggio.
Amicizie e amori che s’intrecciano con i baci e gli abbracci sinceri, sentimenti che il tempo e la vita a volte hanno modificato fino ribaltarne il significato, magari con dolore, seguendo una logica a noi sconosciuta ma che in fondo ci ha reso quello che siamo.
Fotografie che scorrono veloci nella nostra testa protetta da un casco che non riesce a proteggerci dal farci scappare un sorriso o una lacrima che solo la visiera scura può celare.
Uno scorrere veloce, come l’asfalto sotto le ruote, di foto che non finiremo mai di aggiungere finché la nostra vita ci concederà ancora strada da fare.

Flap