Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Feb 2020

MotoGP team Pramac

Ducati fa un altro step in avanti alzando ancora di più l'asticella per l'impegno delle case nel motomondiale in MotoGP. Portando di fatto a 4 le moto supportate ufficialmente nello schieramento 2020, Ducati spinge sull'acceleratore cercando di nuovo quel gap che fino all'anno scorso divideva le moto di Borgo Panigale da quelle Honda. L'intento è proprio quello di avere più dati da raccogliere per lo sviluppo della moto, oltre che dare la possibilità ai quattro piloti del team ufficiale e del team Pramac di giocarsela alla pari.

Confermato nuovamente il supporto ufficiale a Jack Miller atteso alla definitiva maturazione, è il turno del campione del mondo in carica della Moto2 Pecco Bagnaia di ricevere la moto ufficiale, un rookie che deve poter mettere a frutto tutte le sue potenzialità, e dal 2020 riceverà lo stesso materiale degli altri tre piloti.

Una mossa che certamente mira a forzare lo sviluppo in casa Ducati e che vuole mettere all'angolo le altre case, Honda che ha si tre moto ufficiali, ma che di fatto punta tutto su una sola, Yamaha e Suzuki che per ora restano ferme a due sole moto ufficiali.

Un pensiero si insinua nella testa, alla fine del 2020 il contratto di Jorge Lorenzo alla Honda terminerà, e Gigi Dall'Igna non ha nascosto dirivolere Jorge. Che sia una mossa per preparare il terreno?