Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Domenica, Dom Ott 2019

1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s
Valentino Rossi

Dopo il GP di Germania che ha visto finalmente Valentino Rossi terminare la gara dopo tre gare non finite, sono state sollevate comunque un certo numero di critiche al nove volte campione del mondo, visto le difficoltà mostrate nuovamente nelle qualifiche e l'ottavo posto incassato a fine gara, non molto per un pilota del suo calibro, che ad inizio campionato era indicato come uno dei probabili protagonisti della stagione.

Detrattore o analisti, il tema della sua longeva permanenza nel circus del mondiale è ormai un tema costante, quasi una ricerca spasmodica non del ritorno alla vittoria, ma di quei segni che indicano il declino del pilota di Tavullia. A questo risponde direttamente Valentino con un "ho scelto 10 anni fa", vale dire che già quando iniziava a faticare con i givani emergenti, oggi campioni del mondo, aveva la possibilità di ritirarsi da vincente o continuare a fare uno sport che lo diverte, e ha deciso per il secondo, e ancora non se ne pente, continua a divertirsi.

Per le prestazioni, anche in vista dei test di Brno, si dice poco fiducioso, in moto non si sente a posto e quello che arriverà a Brno non è molto. Dovrà continuare con questa moto cercando una soluzione, ma intanto i giovani diventano arrembanti, Vinales ha ritrovato la strada, e questo Quartararo promette di essere velocissimo.

Cosa dovremo aspettarci quindi da questo Valentino Rossi? I 12 mesi passati da questa stessa gara lo scorso anno sono davvero troppo pochi per giustificare i 20 secondi in più a fine gara, o davvero viene a mancare la capacità di correre sopra i problemi? Vedremo nelle prossime gare.