Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Sabato, Sab Ott 2019

1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s
Daley Mathison

Qualcuno potrebbe pensare che questa pazza gara va avanti dimenticando i suoi eroi, pazzi eroi, che sul Mountain hanno lasciato la vita, ma non è così, i piloti del TT sanno cosa affrontano, e semplicemente lo accettano, con tutta la sua tragedia.

Il TT Superbike che doveva prendere il via Sabato scorso, con avverse condizioni climatiche, era stato rinviato a lunedì. Una settimana non fortunata, costellata da condizioni climatiche avverse. Al via è apparso subito dai tempi che i contendenti della gara erano Peter Hickman, su BMW S1000RR, e Dean Harrison, su Kawasaki ZX10RR.

Per 4 giri i distacchi sono rimasti davvero risicati, con Dean Harrison che è arrivato a comandare la classifica con 4 secondi di vantaggio sul nuovo vincitore, che però miglio dopo miglio è riuscito a chiudere il gap, fino a quando al suo quarto giro, mentre comandava per soli 0,6 secondi, è avvenuto l'incidente che ha stroncato la vita di Daley Mathison.

Le condizioni della strada non erano le migliori, proprio per le condizioni meteo difficili della settimana, l'incidente è avvenuto mentre Daley era Snugborough, tra Bradden Bridge e Union Mills. A quel punto è stata esposta bandiera rossa e la gara è terminata con la vittoria di Hickman.

Il disappunto è di tutti, di Hickman per una gara vinta ma senza il verdetto di tutti e sei i giri, di Harrison per la nuova occasione sfumata, ma soprattuto per la scomparsa di Mathison. Mathison era pilota esperto del TT, presente fin dal 2013 con presenze nel TT Zero, nellaSuperstock e con la vittoria del 2014 nella lightweight.

La Supersport invece è stata vinta da Lee Johnston su Yamaha R6, anche lui per interruzione di gara, quando su parte del circuito ha iniziato a piovere.

Resta da disputare ancora il Senior TT.