Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.
Domenica, Dom Ott 2020

Alberto Puig

E' un Alberto Puig contro tutti quello dell'intervista rilasciata a La Vanguardia, che punta soprattutto a esaltare il suo campione di punta, l'attuale campione del mondo Marc Marquez, sminuendo avversari e anche compagni di squadra.

Il primo capitolo riguarda Dani Pedrosa, che durante l'intervista non lesina a dire non aver dato il massimo nell'ultima stagione, di essere stato un Dani Pedrosa diverso rispetto a quello degli altri anni. Non tarda la risposta di Dani Pedrosa sulla sua pagina Facebook, il quale si dice sorpreso delle parole di Puig, parole che il manager avrebbe potuto dire di persona quando erano nello stesso box.

Per Jorge non mancano le parole di elogio, dopotutto il matrimonio è merito proprio suo. Non punta al buon rapporto tra i due galli del pollaio, interessa più le prestazioni che sapranno dare, ma anche qui una frase mette in chiaro l'idea di Puig. Per il manager se Jorge andrà veloce, Marquez troverà il modo di andare più forte. Aver tolto Jorge alla Ducati, è stato forse pià una tattica difensiva nel momento in cui Lorenzo ha trovato affiatamento con la moto di Borgo Panigale.

Per chiudere in bellezza, a domanda precisa sui rapporti tra Marquez e Rossi, Puig dichiara che quello che succede in pista sono normali incidenti, che alla fine anche Rossi si deve arrendere al fatto che Marc è il numero 1, e che le opinioni che l'ambiente di Rossi ha provato a generare su Marquez, oltre a non interessare al pilota spagnolo, sono un segno di debolezza.

Forse un po' troppo per essere il team manager di HRC?