Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Logo Superbike
Superbike: a chi i diritti TV? Mediaset abbandona?
1
0
0
s2smodern
1
0
0
s2smodern
powered by social2s

Dubbi e nubi scure sul rinnovo dei diritti TV della Superbike a Mediaset per la stagione 2019, già a inizio anno dalle stesse fonti Mediaset emergevano la possibilità che per il team di Mediaset, ormai operativo sul campo da molti anni e con forte professionalità, potesse essere l'ultima stagione di attività motociclistica.

Il problema principale è il classico ritorno di investimento, che non crea valore a Mediaset, motivo per il quale sembra che Mediaset abbia chiesto un abbassamento della richiesta, oggi pari a 1,5 milioni di euro. Dorna si è quindi messa in cerca di altre piattaforme televisive a cui dare in concessione il campionato mondiale delle derivate di serie, tra le quali la RAI o il ritorno a La7, sempre che non arrivi la solita Sky piglia tutto.

Sicuramente il punto nevralgico è lo spettacolo e gli spettatori che attira il format delle Superbike. Due le scuole di pensiero, il promoter che sostiene essere un problema di costi e di livellamento verso il basso così che ci sia accesso per i privati e chi sostiene che il blocco dell'elaborazione e dell'esaltazione delle varie case ha reso difficile pareggiare le prestazioni di moto che nascono con caratteristiche molto diverse.

Non ha agevolato nemmeno la fuga di alcune case verso la MotoGP, diminuendone impegno e competizione tra i colori delle diverse case, concetto caro agli appassionati della Superbike, ma che il promoter ha ritenuto di dover cambiare per un diverso disegno strategico.

Anche lo spettacolo televisivo forse aveva bisogno di essere rinforzato, alcuni dei format e delle competenze della vecchia Superbike si sono trasferiti sulla MotoGP, ed è indubbio che lo spettatore vive ormai le gare non più solo con il momento della competizione in pista. Originale e di carattere il giro di pista di Max Temporali, ma forse non è bastato a completare lo show televisivo.

Che la serie abbia problemi è un dato di fatto, non è solo Mediaset ad avere problemi di ritorno, ma probabilmente anche i circuiti che non la comprano viste le poche date e il grosso buco di programmazione estiva.