Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Vorrei parlarvi di un libro che mi è piaciuto molto e che per la cui lettura ho fatto davvero il “record sul giro”. Si tratta del racconto di un giro del mondo in moto…a questo punto molti sbadigliando smettono di leggere, visto che l’argomento, soprattutto recentemente è abbastanza inflazionato. Beh c’è però solo un piccolo particolare, questo viaggio è stato fatto nel 1932!!!


Si può quindi affermare con certezza che è stato in assoluto il primo vero giro del mondo a bordo di una motocicletta.  E come ha scritto “Rider” nel 1932, un’avventura era un’avventura vera.
Non so dirvi se il mondo del 1932 fosse no meno pericoloso di quello del 2012, ma di sicuro la scelta di Robert Edison Fulton junior fu alquanto coraggiosa e forse bizzarra per i suoi tempi. Soprattutto perché nasce per scherzo;  perché un’americano giovane e un po' sbruffone, Fulton appunto, ad una cena di gala, per far colpo su una damigella inglese afferma di voler fare il giro del mondo in moto; peccato per lui che uno dei presenti alla cena fosse il rappresentate della storica marca inglese Duglas, che sull’onda dell’entusiasmo gli mette al  volo a disposizione una motocicletta per partire. Il dado è tratto e fulton parte per la sua avventura.


Il racconto è coinvolgente fin dal principio, fin dal linguaggio così lontano dal nostro, così formale ed educato che sembra quasi artefatto, ma non lo è; è semplicemente scritto da un gentleman del secolo scorso; gentleman che smetterà i panni del damerino fin dai primi giorni di viaggio per adattarsi a situazioni, luoghi, imprevisti che vi terranno simpaticamente incollati alla lettura.

E sorprende la mancanza di pomposità e di sbruffoneria, in un narrare arricchito da freddure e sarcasmi che vi strapperanno sicuramente un sorriso.  E non ultimo, le foto,originali scattate in viaggio dall’autore sono un’autentica figata in bianco e nero.
Questo libro è un riferimento per tutta la letteratura del viaggiare in moto; lo stesso Ted Simon (“I viaggi di Jupiter”) lo definisce il “miglior libro di viaggi in motocicletta.

Robert Edison Fulton Junior ebbe una vita avventurosa e fu un geniale inventore, molti dei suoi brevetti sono ancora oggi usati dall’esercito americano.

 

Scomparso nel 2004 all’età di 95 anni nel 1996 scriveva:
“Dai Ascolto al passato: ti condurrà al futuro. Considera il futuro: sarà il tuo presente. Vivi il presente: avrai un passato felice.”

Dedicato a tutti quelli che amano l’avventura.

 

Fagna