Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Sai cosa mi dispiace Nicky? Che comunque andrà a finire di tutta questa faccenda come sempre resterà il solito fumoso strascico di polemiche. Si parlerà di quanto siano necessari interventi pesanti e inasprimento delle pene per le violazioni del codice stradale.

Mentre sto scrivendo, non so ancora se è colpa tua o dell’altro veicolo coinvolto, ma indipendentemente dalla colpa si parlerà per mesi (senza successo) di come rendere più sicure le nostre strade. La verità vera è che noi Italiani non vogliamo mai farci un esame di coscienza, non vogliamo mai ammettere che qualsiasi mezzo noi si possa guidare restiamo convinti di essere noi i padroni della strada. In bici, in, moto, in auto sempre nella convinzione di avere la ragione assoluta. Se poi ci sommiamo un uso “seriale” di smartphone, tablet e altri aggeggi elettronici mentre si è alla guida…ecco che la parola “sicurezza” scompare proprio di netto.  Non si dirà di quanto il nostro popolo ormai sia indisciplinato la guida e non si dirà che ormai viaggiare sulle nostre strade con qualsiasi mezzo sia una roulette russa. Non si parlerà di strade che fanno schifo di viabilità impossibile, di segnaletiche a volte inesistenti e di misure preventive (tipo autovelox) attuate solo per far cassa. Partiranno i soliti campanilismi del tutti contro tutti; ciclisti contro automobilisti contro motociclisti contro camionisti e così via e i social (manco a dirlo) si riempiranno di cazzate immani. Tu sei la dimostrazione lampante che non è la moto a essere pericolosa, ma è la vita a esserlo e che tutto può succedere quando meno te lo aspetti. Sai qual è il vero problema? E’ che questa volta la sfortuna è toccata a te, che volente o nolente, sei un personaggio famoso e quindi tutto fa notizia tutto diventa enorme. A te uomo eccezionale è successo quello che potrebbe capitare a me, ai miei amici, alla mia famiglia, ai miei parenti, insomma a noi gente normale…un cazzo d’incidente in un attimo cerca di toglierti tutto quello che hai. Ed è questa la cosa più grave; quando succede a qualcuno di più o meno famoso, allora si muove il mondo, mentre quando succede a noi comuni mortali, tutto viene archiviato con un semplice “incidente” da buttare nell’oblio alla svelta. Se poi l’incidente (stradale s’intende) coinvolge un motociclista, apriti cielo; chi guida una due ruote è dipinto come un pazzo scriteriato, veloce e pericoloso su strada, anche quando le responsabilità sono al 100% di altri. Nicky ogni mattina mi attacco a internet per vedere se ci sono buone notizie sulle tue condizioni di salute; so che sei un guerriero, lo sei sempre stato, anzi ti dirò di più se in quel maledetto incidente avessi indossato la tua solita “armatura”, forse adesso saresti si malconcio ma sicuramente al bar a bere una birretta con gli amici; e invece no magliettina e pantaloncini per un attimo di relax in cui tutto è precipitato. Non mollare campione combatti per la tua vita e noi combatteremo per far sì che le nostre strade diventano migliori; anzi forse dovremmo cominciare proprio noi a essere migliori a guidare e basta a non distrarsi a essere più educati con il prossimo.

Forza Nicky!!!!!!

Fagna