Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Il (Mio) Mondo a tavola

Limpida è limpida ma questa domenica di maggio è proprio freschina.  Le montagne si stagliano orgogliose appena fuori dalla finestra del piccolo agriturismo sperduto appena sopra la valle del Taro. Sette appassionati di moto siedono attorno ad un tavolo colmandosi gli occhi e il palato di prelibatezze.


Non ci sarebbe nulla di strano in tutto ciò a parte il fatto tutti i commensali non si fossero conosciuti grazie alla passione comune per la moto. Non ci sarebbe nulla di strano nemmeno se appartenessero a regioni diverse. L’emozione sta nel fatto che a quel tavolo ci sono orgogliosamente rappresentate le bandiere di due stati molto simili come geografia, se non fosse che stanno uno agli antipodi dell’altro. Se qualcuno avesse origliato ai discorsi di quei motociclisti, avrebbe udito un “chiacchiericcio” che più che all’inglese sarebbe somigliato all’esperanto…nel senso che (e)spero di farmi capire.  Perché diciamocelo, un NeoZelandese DOC, motociclista, portato a spasso dai suoi nuovi (e vecchi) amici Italiani, non è che non si vede tanto spesso. E men che meno che si sia presentato con una sua moto. Oddio..sua…a noleggio certo…con targa tedesca….emh certo, perché veniva dritto dalla Germania per scorrazzare un po’ con noi alla scoperta di un paese fino a ora per lui sconosciuto. E tra una chiacchiera e l’altra, mi fermo a pensare, alla sua terra fantastica, alla nostra terra altrettanto stupenda, ma soprattutto a quell’incredibile denominatore che è la passione per le due ruote. Quella sincera, senza fronzoli, che va al di la di campanilismi è stupide diatribe. Quella così lontana dai social, dai professori, dagli smanettoni e dai tuttologi; quella genuina come il salame casereccio tagliato giù spesso su di un asse di legno, come solo chi ha il fuoco della passione dentro può esprimere. La moto mi ha fatto conoscere persone stupende, anche nell’altro emisfero. La moto non perde occasione per riunire le persone che stimo e a cui voglio bene.
Se non è emozione questa….
E’….che…adesso bisognerebbe ricambiare (di nuovo) la scorribanda dall’altra parte del mondo.

Fagna