Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

CIV 2016 IMOLA - PIRRO OUT - BAIOCCO IN TESTA AL CAMPIONATO

Michele Pirro è il nuovo Campione Italiano classe SBK 2016… anzi, no! Sarebbe stato così già dopo il settimo Round disputatosi Sabato 3 Settembre ad Imola, invece Pirro si ritrova sesto in classifica e distaccato di 43 punti dal nuovo leader Matteo Baiocco.

 

La spiegazione a questo rovesciamento di classifica è in realtà piuttosto semplice: a seguito delle verifiche previste sulle due moto meglio classificate nei Round di Misano è apparso evidente che sul motore di Pirro ci sia stata una lavorazione non consentita alla sede delle valvole. Un intervento, questo, di entità in realtà molto minima ma che indubbiamente va a violare gli articoli del regolamento.

Sulle sei gare disputatesi (Misano inclusa), il motore incriminato è stato usato da Michele in ben cinque occasioni. Pertanto alla vigilia di Imola gli sono stati lasciati solamente i 25 punti conquistati nell’unica gara nella quale non si è potuto risalire al motore impiegato (Misano – Round 5). È pensiero comune nel mondo del CIV che questa penalità sia andata ad incidere in modo troppo invasivo sull’andamento del campionato ma soprattutto che sia stato penalizzato più il pilota che non il Team Barni Ducati, vero responsabile del fattaccio. 

Fattaccio che in realtà è stato probabilmente più una leggerezza: è molto probabile che nel reparto corse del team si sia intervenuti sul motore destinato al CIV come se fosse il motore da impiegare nel Mondiale SBK e che quindi la violazione del regolamento sia stata fatta del tutto in buona fede. Tuttavia non c’erano altre soluzioni possibili da prendere e così Michele Pirro si è trovato quasi tagliato fuori dalla corsa ad un campionato già vinto ed altri si sono visti catapultati in testa ad un campionato già perso. 

Matteo Baiocco in particolare si trova ora a guidare la classifica dopo un inizio di stagione non particolarmente felice ma in netta crescita sin dal Round 3 del Mugello. Il pilota del Team Motocorsa è consapevole del regalo ricevuto ma dal suo punto di vista è ovvio che sia stato giusto che le cose siano andate in questo modo. Le due gare di Imola si sono quindi corse con un mix di sensazioni contrastanti. Michele Pirro ha dominato come forse ha saputo fare solo poche altre volte, cogliendo due vittorie e 50 punti che lo mantengono in corsa per il titolo fino all’ultimo weekend di gare. Al rientro dalla vittoria del Sabato (quella che gli avrebbe garantito il titolo se non ci fosse stata la penalizzazione) il suo Team e i suoi più stretti tifosi lo hanno accolto ed osannato come se si stesse effettivamente festeggiando un alloro e sotto il podio si è distinto chiaramente un coro inneggiante a Michele. 

Dalla parte opposta Baiocco fa i conti con la realtà, quella vera, quella che gli sorride, quella fatta di punti e matematica. E lo fa quasi con imbarazzo ma con la consapevolezza di non aver rubato nulla, anzi. Guidando tra mille problemi ha agguantato un quinto posto in gara 1 e ha poi strappato con i denti (27 millesimi di secondo) il secondo posto a Riccardo Russo in gara 2. Matteo non si è certo risparmiato, non ha tirato i remi in barca e ad ogni uscita cerca sempre di sopperire ai problemi di gioventù che ancora affliggono il suo Team e la sua Panigale. Baiocco, pur senza vittorie, guida quindi ora la classifica con 118 punti, 19 in più di Kevin Calia e con Matteo Ferrari a meno 29. 

Fabio Massei, buon terzo in gara 1 e fino ad allora in piena lotta per il titolo, ha rovinato le sue speranze iridate con una scivolata alla variante bassa in gara 2. Con le due vittorie di Imola Michele Pirro incamera invece nuovi 50 punti che, uniti ai 25 del Round 5 di Misano, lo portano a 75 punti (meno 43 da Baiocco). Il campionato è ancora aperto ma servirebbe più di un miracolo per far sì che Michele Pirro possa cogliere quel titolo che di certo meriterebbe come pilota. Nella classe Supersport vittoria di Kevin Manfredi davanti a Roccoli e Bussolotti in Gara 1 e di Roccoli davanti a Canducci e Manfredi in Gara 2. In Moto3 doppia vittoria di Arbolino per il Team Sic58

Appuntamento quindi al Mugello il 7 ed 8 Ottobre per l’atto conclusivo del CIV. Sono previsti fuochi d’artificio!

Risultati e classifiche complete disponibili su www.civ.tv

Marco Lanfranchi