Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Batterie Litio Okyami - test aMotoMio


LA RICERCA DELLA LEGGEREZZA

Spesso e volentieri, soprattutto gli smanettoni più accaniti sono costantemente alle prese con la questione dell’alleggerire, del limare i pesi. I metodi sono molti, viterie in Ergal, particolari in carbonio a profusione cerchi in lega e chi più ne ha più ne metta.

 

E se vi dicessi che possiamo levare di botto tipo 3 kili semplicemente cambiando batteria??? Non è follia, oggi la tecnologia ci offre anche questo, ovvero batterie al litio, più piccole, più compatte ma soprattutto estremamente più leggere. E pensare che già con le batterie al gel si pensava di aver fatto un salto di qualità notevole.

Ma con il Litio..oh e da non credere, la prendi in mano ancora nella sua scatola pensi ad uno scherzo, anzi se metti nel braccio tutta la forza  che il tuo cervello darebbe per sollevare una batteria normale rischi di scagliare “la litio” verso il cielo.
Nella fattispecie parliamo di due batterie marca okyami che abbiamo voluto regalare alle nostre due storiche corsaiole ovvero Ducati 748 e Mv Agusta F4 750. Con la complicità rispettivamente di Moruzzi Moto e Evolution Bike, che ci hanno aiutato nella sostituzione, abbiamo piazzato queste due “pesi piuma” sulle nostre moto (#testatoperdavvero), sulla MV quasi per vezzo, ma sul 748 per andare al volo a Mugello.

Si perché (attenzione attenzione) le batterie al litio sono una manna per i pistaioli. La ricarica completa si fa da sei a nove minuti (lo riscrivo da 6 a 9 minuti!!!!! ) quindi vuol dire niente più noiosi inconvenienti, scarico la moto dal fuorgone attacco il carica batterie e dopo 6 minuti entro in pista!!!!!!!!!! Ah e ci entro con almeno 3 kg in meno sul groppone.


E se tutto ciò ancora non bastasse la batteria può essere montata anche in orizzontale, tanto non ci sono liquidi. Le foto vi mostrano le differenze dimensionali tra le batterie che abbiamo smontato dalle moto e le nuove batterie al litio.
Dei comodi Led ci danno lo stato della carica, e ci indicano quando è tempo di ricaricare.
Che sia finita l’era dei manutentori di carica? Ma soprattutto avete presente quando scendete nel box già vestiti come Kevin Schwantz e la moto non parte perché la batteria  è scarica? Niente gita rimandata…gli amici vi aspetteranno solo sei minuti in più.

Nello specifico queste batterie le potete trovare presso Bergamaschi (www.bergamaschi.com)  ed in particolare a questo link trovate utili tabelle comparative e altere informazioni preziose.

Approvate aMotoMio!!!!

Fagna

{AG}2014_08_batterielitio{/AG}

Video

Watch the video

News

Le Novità

Uno stivale da turismo comodo e robusto, il Patron integra una membrana traspirante ed impermeabile 100% GORE-TEX nella sua struttura in pregiato cuoio. Con novità su rinforzi e finiture, il Patron...

Leggi tutto...

In attesa di una legislazione che incentivi maggiormente i motociclisti a proteggersi o che almeno sgravi chi coscientemente lo fa… Clover decide di non aspettare oltre e per i primi 4 mesi del 2018...

Leggi tutto...

METZELER amplia la gamma di grande successo KAROO con l’introduzione del prodotto per utilizzo stradale KAROO Street. Il nuovo pneumatico da enduro offre ottime prestazioni su strada anche sul...

Leggi tutto...

Risultato di oltre un decennio di sviluppo in MotoGP e seguito al sistema airbag racing Alpinestars di prima generazione e al lancio del rivoluzionario Tech-Air™ Street, quest’ultima versione della...

Leggi tutto...

Non era difficile, in fondo, prevedere che il Trofeo Avventura sarebbe stato un successo già dalla sua prima edizione. E così è stato!Non interessa rimarcare qui i numeri, anche se un valore (perché tale è!)...

Leggi tutto...

I Trafiletti

... anzi a dirla tutta non sono nemmeno uno degli ultimi stallieri. Amo la moto, odio il freddo pungente e parafrasando un famoso spot, “la moto è un piacere, se non sei a tuo agio che piacere è ?”.

Leggi tutto...

Tutti noi immaginiamo la Befana come una vecchia, brutta, cattiva e vestita di stracci. Una tradizione che ci tramandiamo da anni, non so nemmeno quando si è cominciato ad aspettare la Befana e a mettere le calze al camino.

Leggi tutto...