Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

CABERG XTrace Lux – Test aMotoMio

Non è una novità per noi questo casco di Caberg, però la presentazione delle nove grafiche, di questo XTrace Lux, è stata occasione di un refresh e di un approfondimento per un casco che si presenta di fascia media ma a molti contenuti interessanti.


Intanto questa grafica che richiama quella della Honda Africa Twin appena tornata prepotentemente sul mercato.
Un’estetica accattivante che in realtà sta bene anche su molte altre moto e come vedete anche l’abbinamento dei colori diventa facile.
Il destinatario di questo casco è l’utente che vuole un casco comodo, pratico, senza spendere una follia.



Calotta in materiale termoplastico prodotta in due misure con interni completamente sfoderabili, cinturino a sgancio rapido e una bella visiera predisposta per il Pinlock, oltre al pratico visierino parasole interno.
C’è tutto. Nell’uso è comodo fin dai primi metri, facile manovrare la visiera esterna grazie alle due unghie sul bordo inferiore, mentre il visierino ha bisogno di un po’ di “apprendistato” per memorizzare la posizione della piccola slitta sul lato sinistro, una volta però acquisito anche questo parametro l’utilizzo è facile anche con guanti invernali indossati.
Il casco si presenta con un look tipicamente Off-road; un’aletta parasole sovrasta la calotta, ma bastano poche mosse, e nessun attrezzo, per farlo diventare un grintoso casco stradale.
In pratica un “2 in 1” se poi si vuole, si può asportare solo la visiera e avere così un casco tipico da fuoristrada.
Il peso dichiarato di circa 1500 gr in realtà non si avverte, segno di un ottimo bilanciamento e anche dopo diverse ore in sella, anche indossando occhiali da vista, non da fastidio.
Molto valida la ventilazione, affidata a un’ampia feritoia sulla mentoniera e due sulla calotta, tutte regolabili e con una griglia di metallo a vista quando aperte.
Sul lato posteriore è presente un estrattore per uscire l’aria calda.


Se siete alla guida di una moto da fuoristrada o di enduro stradale, il frontino diventa un elemento distintivo ed estetico forte, anche se in effetti, seppur senza diventare fastidioso, la rumorosità aumenta sensibilmente rispetto, ovviamente, a quando lo stesso è smontato.
Nella configurazione “stradale” è silenzioso al pari della concorrenza di livello e in questa grafica soprattutto, molto adatto anche alle moderne Naked o semicarenate.
Oltre all’uso tradizionale in moto anche questa volta abbiamo voluto testarlo in una situazione atipica, come una 8 ore con ciclomotori, dove l’utilizzo è stato prolungato con molti “Metti/togli” che ne hanno dimostrato sia la praticità sia la comodità.



Frontino montato o smontato a seconda dell’uso che volete farne e della moto che cavalcate, in entrambi i casi comoda protezione per la nostra testa.

Tutta i colori e la gamma sul sito CABERG

#provatodavvero, o meglio Riprovato!

GALLERY



Flap