Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

LS2 FF323 Arrow - Test aMotoMio

Che noi i caschi li testiamo davvero è una sacrosanta verità.  Non esattamente fino in fondo, nel senso che evitiamo volentieri di fare un "crash test" con la nostra zucca dentro per saggiare la sicurezza di un casco. Ma nel caso di questo LS2 Arrow ci ha pensato Yonny Hernandez, spiccando un pauroso volo e atterrando proprio di testa nel gran premio di Catalunia del mondiale MotoGp. Ecco il casco che lo ha protetto è salvato è proprio un Ls2 Arrow FF323, identico (fatto salvo la grafica) a quello oggetto del nostro long Test.

 

IN PISTA E IN STRADA

L'Arrow nasce come casco spiccatamente sportivo, quindi ci è sembrato logico che l'esordio sulla nostra zucca fosse proprio in circuito, quello di franciacorta per la precisione. La qualità percepita non appena tolto dalla scatola è quella di un casco Top di gamma che si posiziona decisamente più in alto rispetto alla media dei prodotti LS2. La livrea da noi scelta è di grafica semplicissima bianca/rossa/nera che richiama appunto il casco di Ernandez ma non è pacchiana; la forma del casco nasce sicuramente nella galleria del vento, ma graficamente ci sembra molto bello, posto che il giudizio estetico è puramente soggettivo. Le imbottiture sono confortevoli e donano sensazione di sicurezza, una volta indossato (mi raccomando sempre taglia giusta del casco) testa e viso sono ben protetti,  protezione che continua anche sotto la nuca.

La visiera è dotata di pinlock e una volta chiusa per aprirla bisogna azionare un pulsantino di sblocco impreziosito dalla scritta LS2. Ovviamente essendo un casco sportivo non è presente il secondo visierino parasole, ma noi ci siamo procurati anche una visiera scura, tanto la velocità e facilità di cambio visiera sono davvero alte.

L'FF323 si rivela un ottimo casco anche su strada (e non potrebbe essere diverso), leggero, sicuro, facile; tanto che siamo riusciti anche a montare gli auricolari Bluetooth senza grossa difficoltà. Forse con i guanti imbottiti, il bottone di apertura visiera è più difficile da trovare, ma è l'unica nota negativa su strada; il cinturino è dotato di doppio anello (con dispositivo di apertura di emergenza), come si addice ad un casco top.

 

MANUTENZIONE

La manutenzione della visiera comporta pochissimi secondi per agganciarla/sganciarla e pulirla quindi a fondo;  gli interni sono facilmente sfoderabili, e quindi lavabili e sanificabili. Al contrario di altri LS2 non è presente la "pompetta" per gonfiare i guanciotti, quindi la rimozione e il montaggio degli interni è ancora più facile.

SICUREZZA E VENTILAZIONE

Anche la sicurezza è al top, le imbottiture di sicurezza sono in polistirene espanso,  come detto poco sopra il cinturino dispone di uno "sgancio" di emergenza e sui lati sono posizionate delle piastre metalliche di sicurezza/rinforzo. Il collarino posteriore chiude il cerchio di dotazioni di sicurezza davvero complete. Per un buon comfort è necessaria una adeguata ventilazione, che possiamo giudicare efficace anche alla luce delle temperature torride dell'estate 2015; prese d'aria frontali e superiori e "canalizzaizone" dei flussi d'aria svolgono un egregio lavoro.

IL NOSTRO GIUDIZIO FINALE.

Bello, leggero, confortevole; tre parola per riassumere il nostro pensiero su questo Arrow che abbiamo usato (e lo usiamo tutt'ora) per migliaia di km; città, montagna e pista senza soluzione di continuità; se LS2 pensava ad un casco top di gamma che potesse competere con marchi ben più blasonati e storici possiamo affermare che il pensiero si è trasformato in un ottima realtà di prodotto.  E per tornare a Yonny, e al sua test d'impatto...possiamo dire che è stata la miglior "pubblicità" in fatto di sicurezza, anche se non vorremmo mai vedere nessun pilota fare un volo del genere.

LS2 FF323 Arrow #provatodavvero.

Altre info sul casco le potete trovare qui http://ls2helmets.com/arrow-r

Si ringrazia:

- LS2 Helmets
- Bmw Motorrad Italia
- Riding School by Luca Pedersoli
- Racebooking.net

 

Fagna