Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

SUZUKI Burgman 650 Executive – Test aMotoMio.it

 

“Berlina di lusso”
Cambio automatico o sequenziale, sedili anteriore e posteriore riscaldabili, specchietti a chiusura elettrica, luci di posizione a LED, vani portaoggetti come se piovesse e ABS, tutte caratteristiche delle blasonate berline a quattro ruote, poi se si continua ad elencare gli accessori di serie con manopole riscaldate e parabrezza regolabile elettricamente vano sottosella con luce di cortesia, ecc. ci si accorge che stiamo parlando di una due ruote.


Uno scooter nello specifico ma di quelli di alta gamma.
Imponente ma elegante con quel muso con due grossi fari a fare da linea di riferimento al protettivo scudo, linea che prosegue fino a un posteriore impostante ma all’occhio più snello di quello che è in realtà.
Coda che termina con due grossi fari posteriori che inglobano anche le luci stop.



Una ampio parabrezza promette protezione ad ogni velocità, basta regolarlo nel modo più adatto all’altezza e un poggia schiena per regalare sostegno all’eventuale passeggero anche quando vengono scaricati a terra tutti i 55 cavalli che esprime questo bicilindrico parallelo di 650cc.
Completa la strumentazione, quasi automobilistica, con tutte le funzioni comandabili dai blocchetti al manubrio.
Freno posteriore sulla leva di sinistra e classico anteriore a destra serviti da due dischi anteriori a doppio pistoncino e da un singolo posteriore. Pinze tenute a bada da un ottimo ABS che diventa un ottimo alleato in caso di fondo viscido e nelle insidie cittadine come tombini e strisce stradali.



Basta tirare una leva e con il classico bottoncino l’educato motore si avvia.
Un rumore di classe come del resto è questo Maxi-scooter, un filo di gas e si parte, il cambio quasi non si sente e la spinta è regolare senza strappi, inutile passare alla modalità sequenziale tanto funziona bene.
Fatta la misura sugli ingombri importanti e sui due specchi, stabili e dall’ottima visibilità, ci si può godere il confort totale degli spazi abbondanti in sella, tutto sotto controllo e sottomano.
Stabile in rettilineo e anche nelle curve una volta fatta l’abitudine a una certa deriva e alla fiducia che bisogna dare alla ciclistica.
Ciclistica che non tradisce mai grazie a un telaio tubolare e un forcellone in alluminio con buone sospensioni capaci di filtrare le sconnessioni della strada.
Non proprio cittadino, viste le dimensioni, anche se si disimpegna bene nel traffico ma perfetto nelle gite fuoriporta quando motore e protezione danno il meglio di se.

Sicuramente un ottimo compagno anche di viaggio questo Suzuki Burgman 650 executive.
L’alternativa alla moto per automobilisti pentiti o per chi preferisce le due ruote “pulite” ed eleganti.
Se siete tra questi questa può essere una proposta di classe.
Tutte le caratteristiche tecniche sul sito SUZUKI.

Moto in prova grazie a Casa della Moto di Abbiategrasso (MI)

Materiali utilizzati: Casco e Giacca MomoDesign – Pantaloni PromoJeans – Stivali Stylmartin – Guanti Alpinestars – Intimo Evo+

GALLERY

Flap