Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Street Triple RX – Test aMotoMio.it

 

Una piccola Monella che ti prende per mano e ti posta a giocare con Lei sulle strade.
Non importa la tua età, nemmeno le tue qualità di pilota, devi solo fidarti di lei, assecondarla senza farti però perdere la testa per le sue qualità che potrebbero sorprenderti.
Compatta, elegante snella e tremendamente bella nella livrea argento abbinata a quel rosso che fa tanto racing.


Nessuna regolazione da fare, se proprio volete potete escludere l’ABS…ma perché farlo?
Un bel rumore pieno esce dal corto scarico basso, un po’ voluminoso ma del resto gli after market a cosa servono? Rumore che si accompagna a un bel sibilo di questo tre cilindri che sorprende fin dalla prima apertura del gas.


Spinge subito con i suoi “soli” 106 cv e i 675 cc sembrano molti di più grazie al frazionamento dispari del motore che dona un carattere simile al bicilindrico in basso e un allungo di un quattro in alto.
Frizione a cavo morbida e un bel cambio sportivo veloce, addirittura velocissimo dotato del sistema Quickshifter di serie che permette di salire di marcia senza usare la frizione ne togliere gas…..da cardiopalma e ti fa sentire un pilota.
Davanti solo la strada.

Un piccolo cupolino, più estetico che veramente funzionale, nasconde la caratteristica, completa, strumentazione Triumph non smette di piacere, un grosso contagiri analogico, con led di cambiate e spie varie, abbinato a un display digitale con un sacco di informazioni settabili.
Agile, scattante, svelta, un gatto in ogni situazione e nelle curve extraurbane può essere davvero una cliente scomoda per molte sportive.
In città si disimpegna bene sgusciando nel traffico senza affaticare, solo un po’ ridotto l’angolo di sterzo ma abbiamo visto ben di peggio.
Quello che sorprende di più è il motore che nonostante la piccola, relativamente, cubatura permette di scattare velocemente snocciolando le marce come di trotterellare tranquilli in sesta marcia riprendendo con spinta costante anche dai bassi regimi.
Nelle curve sembra aver voglia di aggredire la curva per poi mantenere la linea con precisione grazie a una bella taratura delle sospensioni, decisamente rigido/sportive, che se fanno soffrire sul pavé e nelle disconnessioni regalano una coerenza di riferimento nella guida su strada e promettono la stessa anche nell’uso in pista.
All’altezza delle prestazioni anche la terna di dischi dell’impianto frenante, dotate di un ABS non invasivo, dosabile e pronto nella risposta.

Stabili gli stilosi specchietti che permettono di tenere sotto controllo quello che succede alle spalle.
Grandi prestazioni dinamiche che potrebbero far innamorare fior di motociclisti.
Ma come sempre il primo impatto è quello visivo.
La versione RX oltre a questa esclusiva colorazione Matt Silver con dettagli e ruote in Diablo Red è dotata anche di puntale e cupolino ma soprattutto di un codino ridisegnato, più snello e appuntito su cui c’è la piccola sella per il passeggero celata da un bel coprisella con tampone di appoggio.
Difficile pensare che la vostra compagna sia felice di questa sistemazione, però davvero l’estetica è splendida.
Finiture ottime e dettagli raffinati anche per le belle pedane in lega, certo il portatarga così proteso all’indietro non fa impazzire ma come per lo scarico sicuramente si può trovare una soluzione alternativa.



Lo sguardo di quei due occhioni denotano già l’indole sbarazzina e monella, due occhi capaci di rapire ed emozionare oltre che illuminare il buio in maniera perfetta.
Insomma una bella compagna di giochi che soffre solo quando la strada si allunga nei rettilinei dove la scarsa protezione aerodinamica costringono ad aggrapparsi al manubrio.
Una “Piccola” tre cilindri che dimostra che per divertirsi non è necessario avere più di 1000cc.

Moto in prova grazie a TRIUMPH Motorcycles Italia

Grazie a:
- Carlo Flaminio per le foto più belle
- Bar PARADISE FRA & MELA, Via San Protaso 8 Casorate Primo (PV), per la disponibilità.

Materiale usato: Giacche MomoDesign e Macna – Jeans Promojeans – Caschi MomoDesign e Caberg – Stivali Stylmartin e TCX - Guanti Alpinestars

Flap