Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Amphibiuos Voyager Fluo – Test aMotoMio.it



“A prova di diluvio”
Non solo a prova di diluvio ma anche di assolutamente impermeabile e galleggiante per oltre 24 ore.


Chiaramente lo abbiamo verificato!



Una presentazione così è perfetta per un prodotto che abbiamo scelto per un viaggio in Scozia dove sicuramente in quasi settemila chilometri e 15 giorni sicuramente un po’ di acqua si prende.
Noi per non farci mancare nulla come test di acqua ne abbiamo presa davvero tanta, in Francia per essere precisi, anche per oltre settecento chilometri ininterrottamente.
Conoscendo i prodotti Amphibious e anche la sorella Voyager Light non avevamo nessuna paura per il contenuto che è sempre arrivato a destinazione perfettamente asciutto!
Test finito? No, in realtà la scelta di un borsone da “Legare” sul portapacchi, abbinato alle borse rigide, è una furba idea poiché questo tipo di contenitore permette una versatilità incredibile di carico non vincolato da rigide pareti.



La capienza di 45 o 60 litri diventa davvero sfruttabile al massimo, in più questo Voyager ha una ulteriore tasca superiore, una pratica tasca superiore e una abbinata a una rete portaoggetti oltre alla banda Ultra fix dove fissare eventualmente moschettoni, altri piccoli oggetti o il marsupio Anura,  sempre di casa Amphibious, che aumenta la praticità di avere a portata di mano piccoli oggetti.
Facile da fissare al portapacchi, con ben 10 D-ring, con cinghie o meglio ancora, come abbiamo fatto noi, con il sistema Multi-fix che permette un rapido sgancio e aggancio del borsone.



Lo stesso sistema unito all’apertura superiore ampia permette di accedere al bagaglio anche senza staccare la borsa dagli attacchi.
Chiusura classica longitudinale a due lembi da affiancare e poi arrotolare su se stessi tre volte (Sistema di chiusura Quick proof)  e agganciare con le pratiche clip in materiale plastico (Higt Look).
Praticità e tenuta in poche mosse.
Una volta arrivati a destinazione bastano due minuti per sganciare la borsa e caricarsela a tracolla con la cinghia imbottita a disposizione o trasformarla in zaino con gli spallacci imbottiti in disponibili come optional.



La nostra esperienza ha confermato la scelta del “Borsone” stagno come completamento del carico sulla moto e questa colorazione Fluo aumenta anche la sicurezza attiva rendendoci visibili anche in condizioni di scarsa visibilità.
Da motociclisti normali ma esigenti come siamo, quasi pignoli, ci permettiamo di suggerire all’azienda la dotazione, in optional, di una guscio inferiore interno che permetta una base migliore sui portapacchi di ridotta superficie.
La mancanza della “Evo Valve”, presente nel modello Light, è un aiuto in più nella chiusura della borsa e ci sarebbe piaciuta anche in questa versione anche se di fatto con un po’ di pratica e facendo fuoriuscire l’aria dalla lunga apertura superiore si riesce a ottenere quasi lo stesso effetto….però Amphibious ci aveva viziato bene!



Abbiamo testato entrambe opzioni di capacità, la 45 litri perfetta per un ampio bagaglio per il singolo viaggiatore viziato e la 60 litri perfetta quando il viaggio è fatto in coppia per accontentare anche le esigenze di spazio della compagna.
Siamo partiti con la certezza del risultato di questo test ma se per viaggiare abbiamo scelto anche Amphibious ci sarà un motivo!

GALLERY



Flap e Fagna