Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Soiatti – Classiche per Passione

Una foto d’epoca, un commento e su Facebook è un attimo fare “amicizia”


Amicizia virtuale, certamente, ma comunque in grado di far scambiare opinioni tra appassionati di moto.
Le moto in questo caso sono le vecchie signore di altri tempi ed è curioso scoprire che l’interlocutore, tanto preparato, quanto appassionato abbia solo 1988 scritto sulla sua data di nascita.

Eppure Alberto ne sa davvero, e alle moto d’epoca è davvero appassionato, sarà perché il padre è un noto restauratore con un ottimo passato di meccanico.
Comunque come spesso accade, si cerca di dare corpo a una così interessante realtà e la passata edizione di Novegro ne è stata l’occasione per conoscere la Famiglia Soiatti e i loro lavori, o meglio, capolavori, di restauro.
Non sono un esperto di moto d’epoca, non sono un esperto in generale, ma quando una cosa è bella e ben restaurata la differenza, si vede, quando l’ambiente è ricco di possibilità di confronto, l’eccellenza risplende in tutto il suo valore.
Così il passo per una visita presso il loro laboratorio è il successivo.



Mi accoglie gentilissimo come sempre Alberto seguito da Daniele in un locale carico di fascino, molte moto in lavorazione, altre splendidamente finite, altre sotto i teli che vengono tolti a uno a uno lasciando gli spettatori sorpresi da tanta bellezza.
Molte le moto sconosciute, ma indubbiamente, di notevole interesse storico e sportivo.
Alberto e il PR dei due, capace di dare visibilità e comunicazione alla loro attività, ma è Daniele il Re di questo piccolo, grande, regno.
Nella sua officina le pareti sono ricche di foto del suo passato da crossista a livello Italiano e di molti motociclisti che hanno incrociato la sua strada, foto spesso in bianco e nero, ma tutte con quel fascino particolare delle foto anni ’70.



Classe 1957 Daniele oltre all’attività agonistica, con Zundapp, KTM e SWM, è sempre vissuto tra i motori, meccanico specializzato prima in moto inglesi e con esperienze presso una nota concessionaria Moto Guzzi Novarese, oltre che conoscitore di tutte le moto precedenti gli anni ’80.
Nonostante la sua attività principale negli anni sia quella imprenditoriale in tutt’altro settore, mantiene viva la passione per le moto e i restauri che con gli anni hanno sempre più preso il sopravvento fino a diventare per lui l’attività prevalente.
Mi mostra misteriosi blocchi motore in stati pietosi, pitoni e bielle bloccate insieme ad altri pezzi già lavorati e restaurati in maniera tanto precisa da sembrare nuovi.
Mi mostra le foto prima del restauro di alcuni esemplari finiti che sto guardando e lo stupore per quello che è riuscito a fare è notevole.



Ormai è conosciuto in tutta Italia ed Europa, dove riesce a reperire pezzi particolari e unici per restituire il vecchio splendore a qualunque modello di moto.
Se poi il pezzo non è disponibile, è in grado di recuperarlo o ricostruirlo con una precisione a prova dei più pignoli collezionisti ed esperti del settore.
Fa tutto lui in officina, con la sua attrezzatura, affida a mani esperte esterne solo i trattamenti di cromatura e verniciatura, ma anche questi secondo sue specifiche e precise istruzioni.
Io mi sono perso nell’osservare le moto finite alla ricerca di qualche sbavatura, imperfezione non avrei la competenza ma nulla i miei occhi hanno trovato, non solo quando Daniele mi descrive accuratamente che una tal griglia paracalore deve avere i riquadri da 8 mm e non da 10 capisco, non tanto la mia indubbia ignoranza, quanto la sua notevole preparazione ed esperienza.



Lascio Daniele alle chiacchiere con un amico altrettanto appassionato e dalle parole che capto, recepisco solo Passione, passione condivisa, non un lavoro, non qualcosa da fare per forza, qualcosa che piace fare.
Io nel frattempo parlo con Alberto che m’illustra i programmi per un futuro sito internet, la sua passione trasversale nonostante gli attuali studi universitari di altro genere, ammette la scarsa competenza meccanica al confronto di quella paterna, ma non tradisce la suddetta Passione per quelle creature a due ruote cui dedicano tempo ed energie.
La mattina vola, come spesso accade quando le persone sono piacevolmente interessanti, quando il piacere corre veloce come le parole e il tempo, così non mi resta che salutare con un piccolo sguardo d’invidia l’officina di chi ha saputo trasformare in “lavoro” la sua passione, del resto il loro biglietto da visita recita “Classiche per passione”, provate a incontrarli e sarete d’accordo con me.

Flap

Soiatti Moto d’Epoca

Via Carso 3b 28100 Novara
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

{phocagallery view=category|categoryid=146|limitstart=0|limitcount=0}