Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Novegro - Mostra Scambio Auto e Moto d'Epoca, 68° Round

Novegro è un appuntamento da non mancare, o comunque bisogna andarci almeno una volta nella vita.
Cambiato negli anni, evoluto o involuto secondo punti di vista, mantiene intatto in suo fascino che richiama appassionati da tutto il mondo.


Dopo qualche edizione in sordina e con un visibile calo di presenze di espositori e di pubblico questa sessantottesima puntata ha fatto segnare un successo di presenze, favorito anche dal tiepido sole di un WE perfetto.
La scelta poi, da tre anni a questa parte, di far coincidere l’evento autunnale con la settimana dell’EICMA sembra pagare in termini di presenze straniere che in un unico viaggio riuniscono magari nuovo e vecchio.


Certo a vedere qualche mucchio di rottami buttati nel prato, si perde un po’ di quel piacere, trovare insieme a pezzi più o meno pregiati anche oggetti di anticaglia da svuotamento del solaio fa un po’ tristezza, ma fa parte anche questo del gioco di Novegro e se si passa oltre, l’idea originale diventa bello anche il fatto che ci siano queste realtà.
Per il resto si ha l’occasione di vedere davvero delle belle moto, pezzi pregiati e a volte poco conosciuti.
Anche in mezzo a tanta ruggine spunta un piccolo tesoro rappresentato da quel pezzo che serve per terminare magari un restauro, oppure quella moto che avevamo da giovani e vorremmo riacquistare e riportare agli antichi splendori.


Molte le moto d’epoca, alcune davvero datate, con un sempre crescente interesse per il fuoristrada d’epoca, anche se guadagnano sempre più spazio anche piazzole di modernariato motociclistico che deborda al ricambio usato anche di mezzi in produzione attuale.
Tanto l’interesse per i ciclomotori, riportati alla ribalta dalle manifestazioni legate alla Monferraglia che coinvolge davvero una variegata fetta di appassionati di ogni età e riporta nel frattempo interesse anche a motori ausiliari che in questa edizione sono apparsi numerosi.
Patinati e ordinati gli stand al coperto, forte il contrasto con l’esterno e il prato, dove sono molti i gruppi, in parte istituzionali a gestire registri storici e fornire informazioni agli appassionati di marca.
Banchi dove è possibile trovare pezzi nuovi, fondi di magazzino o repliche fedeli degli originali ormai introvabili che seppur venduti a caro prezzo possono essere l’unica soluzione per completare a regola d’arte l’agognata moto.


Come ogni edizione il padiglione centrale ospita una mostra mototematica che questa volta era dedicata alle Harley Davidson con un tuffo nel passato e nell’America Graffiti della casa di Milwaukee.
Una giornata da vivere passeggiando curiosando, addentando un immancabile panino con salamella annegato nella birra, con la certezza che qualcosa si compra, che sia una marmitta, un salsicciotto da manubrio o una moto intera.
Ogni volta è così, la prossima sarà a Febbraio 2017….cominciamo a preparare la lista della spesa!

GALLERY



Flap