Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

aMotoMio Zandonà Shark Armour GT
Zandonà Shark Armour GT - test aMotoMio.it

100% Made in Italy. Zandonà Shark Armour... Armour... Armour... armatura, mi suona davvero bene, mi fa sentire già più sicuro ad averlo indosso, un po' guerriero della strada, l'azienda italiana specializzata nella sicurezza in ambiti sportivi come moto, sci e equitazione, ha deciso di farci provare il suo paraschiena comprensivo di pettorale a difesa del mio fisicaccio da motociclista un po' consumato (deprimente il confronto con il modello del sito), vediamo come è andata.


Made in Italy (anzi 100% realizzato in Italia) recita l'etichetta, Zandonà costruisce i suoi dispositivi di sicurezza ispirandosi a tre sport che di urti ne vedono parecchi. Quando ho ripreso a inforcare una moto agli inizi degli anni 2000, nonostante fossi della generazione "'nu jeans e 'na maglietta", la prima cosa che ho comprato insieme a giubbotto e casco è stato un bel paraschiena. Ho subito pensato "sotto il sedere un 600 quattro cilindri, sopra la schiena meglio un bello strato protettivo". Anno dopo anno ho visto evolversi questi dispositivi, sempre più comodi, sempre più traspiranti, sempre più simili a esoscheletri da film di fantascienza, ma soprattutto sempre più sicuri, questo Zandonà Shark Armour GT garantisce una protezione di Livello 2, quindi assorbe urti fino a forza residua media massima 9kN e forza massima per singolo impatto 12 kN. Il massimo.

aMotoMio Zandonà Shark Armour GT

COM'E' FATTO

Le caratteristiche, un po' di dati: omologato CE secondo la EN1621-2/03 (il migliore livello protettivo secondo la normativa Europea), realizzato con vari tessuti come l'S.R.T. (Sweat Removing Textile - tessuto traspirante 3D che espelle il sudore), materiali plastici ad alta tecnologia che si deformano ma non scheggiano, pettorina removibile, antitorsione moto, doppia regolazione velcro.

Difficile pensare che alcuni se ne vanno ancora a spasso sprovvisti di qualsiasi protezione sotto la giacca, quando ce l'hanno, ma vanno rispettate un po' tutte le opinioni, e la mia francamente è che i paraschiena per i motociclisti dovrebbero essere obbligatori così come lo è il casco. Chi racconta di peso, scomodità, caldo e altri problemi di diversa natura in verità probabilmente non ne ha mai indossato uno. Aziende come l'italiana Zandonà, impegnata nella costruzione di protezioni non solo per i motociclisti, hanno lavorato a lungo e con grandi risultati per costruire una vera armatura comoda da indossare.

aMotoMio Zandonà Shark Armour GT

Indossandolo in effetti un certo atteggiamento di esagerata invulnerabilità prende il sopravvento in alcuni, con questo pettorale mi sento un po' come il personaggio guerriero di un mitico cartone animato (ve lo ricordate?) e forse a raccontare il grande livello di protezione che si percepisce con lo Shark Armour GT, qualche amico perde di vista le realistiche prospettive di una ragionevole protezione, ma torniamo con i piedi perterra (già che ci siamo mettiamo a terra anche quella mazza...)

COME VA

Da indossare è davvero semplice e veloce, si sgancia la bretella inferiore laterale, si fa passare dalla testa e poi si riaggancia la bretella con un fermo in metallo, rubusto, sicuro, di grande qualità. L'ottima ergonomia e i materiali utilizzati creano la giusta morbida aderenza sulla schiena, un vero esoscheletro che si adatta alla forma della colonna vertebrale, grazie anche ai due doppi tiranti sull'addome. Zandonà è molto "pignola" per quanto riguarda i suoi paraschiena, non è solo questione di taglia in lunghezza, per proteggere bene anche la taglia del girovita è importante per aderire correttamente al corpo.

Questo Armour va a completare il livello di sicurezza per le cadute con urti o ferite al torace, molto più frequenti di quanto si possa pensare. La domanda diventa semplice: se posso aumentare il grado di protezione con poco o nessun sacrificio, perchè non farlo? La risposta è questo Shark Armour GT, il materiale della parte forntale è lo stesso con cui è costruito il resto, l'aderenza è totale, le bretelle creano un tutt'uno con il corpo. Per magia sotto alla giacca sparisce, non lo si sente, ci si ricorda di averlo solo nel momento di toglierlo.

aMotoMio Zandonà Shark Armour GT

Insomma, difficile non innamorarsene e pensare di lasciarlo a casa rinunciando a tanta sicurezza in più. Lo Shark Armour GT è disponibile in diverse taglie, identificate con X6-7-8-9 per l'altezza a cui va aggiunta la scelta della misura del giro vita, disponibile in bianco o nero, prezzo a partire da 150€. Lo si può acquistare nei negozi specializzati, ma anche sul sito Zandonà www.zandona.net, dove sono spiegate molto bene le taglie per non commettere errori. Per questi livelli di acquisto le spese di spedizione sono anche gratuite. E per i più esigenti? Beh potete scegliere l'Esatech Armour Pro o il Soft Active Vest Pro.

Inizia la nuova stagione? C'è un acquisto furbo da fare.

www.zandona.net

Wolf

Per questo test:
Giacca Alpinestars T-JawsCasco Caberg Ego
Pantaloni Promo Jeans
Scarpe Stylmartin Red Rock
Moto Honda Africa Twin

Grazie a Carlo Flaminio per le foto

GALLERY