Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Caberg Riviera V3 –Test aMotoMio

Qual è il modo migliore di valutare un casco? Sicuramente quello di indossarlo!
Se poi lo tenete in testa tutta una giornata, passando dal sole alla pioggia, a bordo di un motorino 50cc per scorrazzare nelle colline del Monferrato sicuramente potrete dare un’opinione veritiera.


Metteteci poi il motorino che non parte, quindi tentativi di avviamenti a spinta e furiose pedalate, le stesse di quando il motore non ce la fa in salita e pure gli occhiali da vista del sottoscritto.
Direi che c’è tutto e potrebbe bastare senza dover considerato di averlo usato anche nel traffico cittadino a bordo, questa volta, della nostra abituale maxi enduro.
Insomma Caberg ha voluto mettersi alla prova accettando di fornire il “Garage aMotoMio” per affrontare la Monferraglia Spring.



Quindi tre Riviera V3, ovviamente nel patriottico colore Italia, per proteggere la capoccia di noi emuli di Peter Pan che nonostante abbiamo superato la soglia del mezzo secolo non smettiamo di giocare con i motorini.
Casco Bello, dalla qualità percepita notevole e dalle ottime finiture nonostante il prezzo davvero concorrenziale.
Leggero e soprattutto comodo, come testimoniato da tutti e tre i piloti dopo una giornata in sella.
Ottima la visuale e ovviamente la ventilazione essendo un Jet, la lunga visiera protegge bene dall’aria e anche dalla pioggia.


In queste condizioni il bordo parapioggia funziona a dovere evitando che la visiera si bagni all’interno.
Sempre in condizioni sfavorevoli la parte bassa della lunga visiera a velocità ridotte e con la fatica della pedalata tende ad appannarsi ma basta qualche km/h in più e tutto rientra nella normalità.
Quando invece splende il sole, il visierino parasole integrato diventa davvero un ottimo complice, soprattutto se si calzano occhiali da vista.
Un movimento semplice sulla slitta sulla sommità del casco ed ecco che la luce non fa più paura.



Notevole la qualità ottica che anche quando unita alla altrettanto valida visiera principale, antigraffio, non crea distorsioni né fastidi.
Pratico questo anche in città, il cinturino con sgancio rapido a regolazione micrometrica.
Insomma questo casco ha brillantemente superato la prova Monferraglia ma come accennato si è rivelato molto valido anche nell’uso cittadino in moto, quindi anche con l’eventuale Scooter ne possiamo immaginare l’ottima resa.
Se non volete a tutti i costi portare a spasso il Tricolore sono disponibili altre colorazioni più sobrie che trovate insieme alle caratteristiche tecniche sul sito CABERG.

#provatodavvero e promosso con i baffi!

GALLERY



Flap