Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Alpinestars Rover Drystar – Test aMotoMio

Un guanto da mezza stagione deve essere sufficientemente leggero per non far sudare le mani e nel frattempo mantenere le nostre preziose estremità al riparo sia dagli elementi naturali sia nel malaugurato caso di caduta.


Per le intemperie questo guanto Rover di Alpinestars ha una membrana integrata Drystar che non ha bisogno di presentazioni, per la sicurezza abbiamo il protettore nocche rigido applicato per fusione, il ponticello digitale brevettato e rinforzi in schiuma EVA, all’interno della sua robusta struttura in politessuto e pelle.
Inoltre sono presenti degli inserti in materiale rifrangente per aumentare la visibilità in caso di scarsa luminosità.



Ben conformato s’indossa facilmente per poi essere bloccato con il cinturino in velcro al polso che evita sfilamenti mentre una chiusura, al polsino, in velco sulla parte finale dell’avambraccio permette di regolare l’ampiezza della chiusura, sopra o sotto la giacca.
La struttura del guanto pre-curvata migliora, di fatto, il confort e diminuisce l’affaticamento della mano sui lunghi tragitti.
Morbido il tessuto in robusto Denier 600 elasticizzato del dorso, accoppiato al palmo in pelle per una maggiore protezione all’abrasione ma anche per un migliore controllo e sensibilità sui comandi al manubrio.
I rinforzi, sia rigidi sulle nocche, sia quelli in TPR su pollice e palmo come del resto le imbottiture in EVA sull’esterno della mano, palmo e dorso delle dita non disturbano minimamente anche dopo ore di utilizzo.
Se poi siete tecnologici, apprezzerete la falange compatibile Touch-screen per l’uso con smartphone/tablet/sistemi GPS.
Un guanto come dicevamo adatto alla mezza stagione dove l’acquazzone è sempre in agguato e questo ci ha permesso, oltre alle nostre solite prove empiriche, anche di testare la tenuta anche sotto la pioggia battente.


Ottima tenuta, perché le mani rimangono assolutamente asciutte, si percepisce un senso di umidità dovuto al contatto della membrana con la struttura esterna che ovviamente s’inzuppa, ma mai la sensazione di bagnato.
Valida anche l’unghietta di gomma sul pollice sinistro a mo di tergicristallo per tergere la visiera.
Peccato che, come in tutti i guanti di questa tipologia, non sia così rapida l’asciugatura del guanto.
Nell’uso quotidiano si apprezzano le ottime doti di sensibilità e la praticità d’uso, solo quando il caldo aumenta, la membrana fa percepire la sua presenza e consiglia di passare a guanti più leggeri e magari traforati.
Dicevamo guanti da mezza stagione ma con manopole riscaldabili e magari paramani questi guanti vi possono portare a spasso anche quando l’inverno si affaccia alle porte.

#provatodavvero e promosso.

GALLERY



Flap