Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Alpinestars Vulk WP – Test aMotoMio

Non so voi ma io faccio davvero fatica ad andare in moto senza i piedi adeguatamente protetti.
Così, quando gli stivali diventano eccessivi, quando l’utilizzo diventa urbano o semplicemente si ha voglia di un po’ di eleganza casual, in moto e soprattutto quando si scende dalla sella, non resta che affidarsi al panorama delle proposte che molte case hanno in catalogo.


Alpinestars tra le varie proposte in catalogo ha una serie di sneakers tra cui abbiamo scelto le Vulk WP.
Belle nel loro marrone chiaro, sono disponibili anche in altre varianti di colore, con tomaia in pelle primo fiore scamosciata e profili in pelle, inoltre, come si evince anche dalla sigla, sono dotate di membrana impermeabile.



Esteticamente si presentano come classiche sneakers “Civili” tradite solo dal logo A-stars stampato a caldo sui pannelli laterali e mediali.
In realtà ben celate alla vista ci sono protezioni per i malleoli, in TPU a doppia densità inseriti fra tomaia e imbottitura interna, e zone rinforzate sul tallone e dita.
Queste permettono alla scarpa Alpinestars Vulk WP di essere certificata CE 9/686/EEC – CAT 2.
Facile da indossare, grazie alla cerniera laterale e alla linguetta posteriore e comoda con la fodera interna in Mesh 3D e tessuti traspiranti.
L’allacciatura è classica con lacci ma una volta trovata la giusta tensione è sufficiente agire sulla cerniera di chiusura che velocizza l’indossamento, un dettaglio è la protezione del cursore cerniera per evitare di graffiare e/o rovinare la moto.



Sia in sella che camminando si apprezzano le ottime caratteristiche della soletta sostituibile anatomica in EVA con parte superiore in Lycra.
La suola di gomma, garantisce stabilità, supporto e grip, per completare il quadro di un’ottima scarpa perfetta in sella e molto comoda anche nel tempo libero.
All’inizio apparentemente più rigida e pesante, ovviamente, delle scarpe “non da moto” ma con un po’ di uso si ammorbidiscono e ci si abitua potendo contare in più su una sicurezza garantita per i nostri piedi.
Nella zona del cambio è presente, internamente, un’imbottitura aggiuntiva per aumentare il confort, peccato che con l’uso la parte superiore sinistra prenda velocemente il tipico aspetto “Motociclistico”, probabilmente meno evidente nella versione in nero, ma del resto questo a volte è anche un segno che ci distingue.



Una scarpa adatta alle mezze stagioni quando il caldo è ancora sopportabile.
La membrana è, infatti, un’ottima complice in caso di pioggia ma inevitabilmente le rende anche meno ventilate.
Ci piace perché è abbinabile ai jeans per una scampagnata fuori porta o per l’uso cittadino, un’estetica casual, soprattutto in questa colorazione, che la fa apprezzare in molte occasioni.

Tutta la collezione Alpinestars sul sito dell’Azienda.

Grazie a Carlo Flaminio per alcune belle foto.

GALLERY



Flap