Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Harley Davidson Street Bob – Assaggio aMotoMio

Quasi trecento chili di ferro, 1690cc e un look che fa tanto America con quel manubrio “Ape-Hanger”.
Questa è la Street Bob che mi è stata appioppata per un breve test durante il “The Bike Field” di Motociclismo.


Si appioppata, nel senso che dopo aver provato una piccola Sportster, i ragazzi di Harley mi hanno proposto quest’alternativa per provare un grosso bicilindrico Americano e una filosofia di guida, oltre che di pensiero, diverso.



Così sono seduto su una sella bassa, che contribuisce a controllare il peso, a impugnare un alto manubrio con i piedi appoggiati su pedane avanzate.
Tutto strano per me, eppure appena in movimento tutto diventa più facile.
Certo bisogna prima capire che l’avviamento avviene girando un “Pomello” sul serbatoio e poi dando contatto sul solito pulsante.
Come gli altri modelli Harley non c’è chiave ma un trasponder che attiva e disattiva per prossimità anche l’antifurto.
Sempre sul serbatoio anche la strumentazione e le spie di servizio, non comodissima come posizione ma fa parte del mondo Harley.
Che impressiona è la spinta vigorosa che questo grosso bicilindrico regala in ogni marcia con sane “Good Vibration” che non sono mai fastidiose.
Non la potenza, ma proprio la coppia (130 Nm) a impressionare, ti spinge dalla parte posteriore della bassa sella e ti costringe ad aggrapparti al manubrio.
Probabilmente i più smaliziati possono esibirsi in vistose sgommate ma questa è un’altra storia.
Quando si arriva alle curve o alle rotonde, bisogna fare attenzione a non accentuare troppo la piega vista la luce a terra ridotta e serve un po’ di fiducia nell’anteriore dalla panciuta gomma, che complice anche quel manubrione e il peso della moto, incutono un po’ di paura, basta invece fidarsi e la Street Bob si lascia portare a spasso docile e sicura anche negli svincoli cittadini.



Certo non è agile come una Sporster ma in fondo mi aspettavo un impacciato elefante, invece la sensazione è di possente bisonte per rimanere in tema America.
In città soffre un po’ ma appena la strada si distende il motore, vera caratteristica di questa moto, regala emozioni forti che seguono il ritmo dei due grossi pistoni che si alternano su e giù accompagnanti dal suono forte ma educato degli scarichi di serie.
Se sognate l’America e amate le emozioni forti a ogni manata di gas questa è la vostra moto.

Caratteristiche tecniche sul sito Harley Davidson
Materiale utilizzato nel test: Casco Caberg – Maschera Alzela – Giacca e Pantaloni PromoJeans – Stivali Stylmartin – Guanti OJ – Calze SIXS – Paraschiena Zandonà

Flap