Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Norton Commando 961 SF – Test aMotoMio.it



“Affascinante MILF”
Spalle larghe, una bella schiena che termina in fianchi snelli e un bel posteriore tondo e slanciato.
Vista dall’alto così è questa bella Inglese dal nome antisonante, Commando, il resto è storia a partire da quel nome sul serbatoio che fa sognare molti motociclisti con i capelli grigi ma che fa girare la testa a chiunque incroci il suo passaggio.
Bella nel suo abito migliore, elegante nero con i colori del prezioso metallo in linee sottili a disegnarne i contorni.
Una moto decisamente particolare, ricca di storia e pregiata nella componentistica nonostante la sua semplicità di base.


Un telaio in tubi di acciaio e un bicilindrico parallelo ad aste e bilancieri raffreddato ad aria e olio.
Un serbatoio, due fiancatine un codone da un posto e mezzo e una piccola unghia a nascondere una classica strumentazione analogica con piccolo display digitale.
Detto così sembra banale ma a guardarla non si può che rimanere affascinati.



Non una ragazzina spensierata con cui giocare e che fa quello che vogliamo noi ma una Donna matura con un carattere forte e particolare che pretende di essere trattata a modo suo, solo così da ampia soddisfazione a chi la guida.
Un motore che ha voglia di essere scaldato bene, ruvido e strattonante finché non si trova in temperatura, la giusta velocità e regime di rotazione, poi diventa tutta un’altra storia e il divertimento comincia a dipingere sul volto un sorriso beffardo, soprattutto quando la strada si allunga in un misto veloce che mette in risalto una ciclistica sincera su cui le splendide Ohlins lavorano al meglio, insieme alla generosa gommatura sportiva, regalando precisione nelle linee.
L’impianto frenante, firmato Brembo serie Oro,è decisamente di riferimento, il posteriore quasi eccessivo, peccato la mancanza di ABS che ormai è diventato un accessorio quasi irrinunciabile.

Però questa Norton fa della tradizione la sua caratteristica e quindi nulla di “moderno”, se non una alimentazione ad iniezione e frizione idraulica.
Comoda la posizione in sella con un manubrio largo che rende la moto davvero maneggevole grazie al peso inferiore ai 200 kg e alla snellezza delle sue forme.
Peccato l’angolo di sterzo sia molto ridotto ma comunque sufficiente per disimpegnarsi anche in città.
Motore rumoroso e ruvido, soprattutto fino ai 3000 giri ma è una caratteristica che alla fine diventa una sua particolarità anche nel suono che esce dalle due marmitte a doppio cono inclinate verso l’alto.
Solo una ottantina di cavalli, più che sufficienti per divertirsi e disponibili soprattutto quando le marce si distendono.
Cinque rapporti ben gestibili anche se non sportivi nella velocità di innesto e una frizione idraulica non morbidissima e anch’essa un po’ ruvida ma ben dosabile e con stacco preciso.
Comandi al manubrio classici e intuitivi con la strumentazione con doppia scala in miglia e chilometri, quest’ultima all’interno non propriamente visibile, avremmo preferito cifre un po’ più grandi per una migliore praticità e velocità di lettura.



Raffinate parti in carbonio arricchiscono la dotazione estetica e il piccolo cupolino devia in parte la pressione dell’aria verso il casco.
La stampella laterale è stabile però ha il piolo di presa che finisce sotto la leva del cambio rendendo scomodo l’utilizzo stando in sella.
Una compagna con cui andare a spasso in eleganza, dopo averla conosciuta basta lasciarsi guidare da lei, trattarla con decisione ma mai con violenza, accompagnarla e assecondarla nelle curve e stringerle i fianchi snelli quando la manopola destra ruota più velocemente.
Quando viene la sera il faro rotondo illumina bene la notte e la gemma posteriore, incastonata nel codino ci rende visibili, le frecce stonano un po’ con la classe di questa Norton, ci sarebbero piaciute più classiche, magari rotonde “Old Style”, ma questi sono gusti personali.
Se non amate seguire le mode e preferite l’intramontabile bellezza elegante questa Commando non vi lascerà indifferenti, come non lascia indifferenti tutti quelli che la vedono passare.



Anche parcheggiata diventa irresistibile, figuratevi quando state correndo con lei a percorrere strisce d’asfalto seguendo il filo delle emozioni di un tempo.
L’unico vero limite è il prezzo non proprio popolare ma del resto la classe…

Caratteristiche tecniche sul sito NORTON 

Abbigliamento usato: Caschi Premier e Caberg – Giacche e pantaloni Promojeans e Macna- Scarponcini Stylmartin – guanti OJ e Tucano Urbano – Intimo Evo+ - Stivali TCX

GALLERY



Flap